Contributi fiscali

Contributi fiscali


Detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni

I lavori di ristrutturazione possono essere di varia importanza e comportare spese davvero notevoli.

Di notevole importanza oggi per chi volesse intervenire nel proprio immobile con un intervento di ristrutturazione, sono le detrazioni fiscali in atto; di seguito la sintesi delle condizioni:

La detrazione fiscale per interventi di ristrutturazione edilizia è disciplinata dall’art. 16-bis del Dpr 917/86 (Testo unico delle imposte sui redditi).
Dal 1° gennaio 2012 l’agevolazione è stata resa permanente dal decreto legge n. 201/2011 e inserita tra gli oneri detraibili dall’Irpef.
Negli ultimi anni la normativa che regola la materia è stata più volte modificata. Le novità più recenti sono state introdotte:

1) dal decreto legge n. 83/2012, che ha elevato, per le spese effettuate dal 26 giugno 2012 al 30 giugno 2013, la misura della detrazione (50%, invece di quella ordinaria del 36%) e l’importo massimo di spesa ammessa al beneficio (96.000 euro per unità immobiliare, invece che 48.000 euro)

2) dal decreto legge n. 63/2013, che ha esteso questi maggiori benefici alle spese effettuate entro il 31 dicembre 2013

3) dalla legge n. 147/2013 (legge di stabilità 2014), che ha prorogato al 31 dicembre 2015 la possibilità di usufruire della maggiore detrazione Irpef (50%), sempre con il limite massimo di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare, e stabilito una detrazione del 40% per le spese che saranno sostenute nel 2015. Dal 1° gennaio 2016 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro per unità immobiliare.
La legge di stabilità 2014 ha inoltre prorogato la detrazione delle spese sostenute per interventi di adozione di misure antisismiche su costruzioni che si trovano in zone sismiche ad alta pericolosità, se adibite ad abitazione principale o ad attività produttive.

Per questa detrazione sono state fissate le seguenti misure:

A) 65%, per le spese effettuate dal 4 agosto 2013 al 31 dicembre 2014
B) 50%, per le spese sostenute dal 1º gennaio 2015 al 31 dicembre 2015
L’ammontare massimo delle spese ammesse in detrazione non può superare l’importo di 96.000 euro.
C) la detrazione del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), finalizzati all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione.
La detrazione va calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro e ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

Cliccando sul seguente pdf scaricabile è possibile comunque consultare la guida completa sulle detrazioni fiscali con gli aggiornamenti per il 2015  in materia di ristrutturazioni.

In relazione a nostri diretti partner nell’ambito immobiliare, diamo la possibilità attraverso una particolare convenzione con lo storico Gruppo edile piacentino  Edilstrade Building S.P.A.  di procedere ad un sopralluogo sul posto da parte di tecnici preposti della stessa per effettuare rilievi e misurazioni, verificando anche tutte le esigenze del cliente in riferimento alla distribuzione degli spazi interni, delle condizioni strutturali o problematiche di vario genere riferite all’immobile, per avere cognizione di causa della struttura su cui si deve intervenire al fine di formulare un preventivo.

Grazie all’esperienza consolidata negli anni, Edilstrade Building ha sviluppato nel corso del tempo, le capacità necessarie al fine di muoversi con disinvoltura per ogni tipo di intervento, inoltre, avvalendosi di personale qualificato e mediante la conoscenza di materiali specifici, è in grado di produrre sempre la soluzione più vantaggiosa con risparmio di tempo e  l’ottimizzazione dei costi.